Veterano degli RPG nato nel lontano 1986, Dragon Quest cambia d’abito e abbandona i combattimenti a turnazione per passare ad un sistema di battaglia action, una novità che ha saputo sorprendere anche i Fan più accaniti, con Dragon Quest Heroes “L’albero del mondo e le radici del male” Square Enix e Omega Force ci propongono un gioco di ruolo che integra perfettamente un classico RPG a delle caratteristiche tipiche dei giochi di azione prodotti dal Team Omega F.

Onestamente non  sapevamo che aspettarci da Dragon Quest Heroes e dalla nuova alleanza Square Enix e OmegaForce, il team famoso per i suoi titoli Musou, si ritrova alle prese con un Jrpg di fama mondiale, a nostra sorpresa le novità introdotte in questo episodio della saga sono notevoli e interessanti, i fan possono dormire sonni tranquilli perchè il gioco uscito in Europa il 16 Ottobre del 2015 è un vero e proprio capolavoro.

Data di Uscita : 16 Ottobre 2015

Lingua : Giapponese/Inglese

Sottotitoli : Italiano

Genere : Azione/Musou

Giocatori : 1

 

Dragon Quest Heroes il primo Impatto

Al primo avvio balza subito agli occhi una spettaccolare ambientazione Fantasy, uno scenario ricco di colore e caloroso, i disegni sono a cura del maestro e mangaka Akira Toriyama e il suo tratto si riconosce sia nelle ambientazioni che nel character design, i Fan di Goku e compagni noteranno sicuramente il suo stile e la sua arte inconfondibile. Per una questione un pò più soggettiva che di critica, avrei preferito uno Zoom un pò meno ravvicinato della Telecamera di gioco. Dragon Quest Heroes rimane un gioco sitle Musou ma riesce a mescolare elementi di generi diversi generando uno stile proprio che lo differenzia da Titoli nella stessa categoria come Arslan Warriors, Senran Kagura o One piece 3 mantenendo un gameplay ben bilanciato. Ciascun personaggio giocabile dispone di un proprio pannello di abilità e magie che lo distingue dagli altri che come in un classico GDR possono acquisire nuove skill livellando nelle battaglie di gioco.

La Storia

Dragon Quest Heroes ci porta nel regno di Arba durante dei festeggiamenti, un mondo in cui i mostri e gli esseri umani vivono insieme in pace. La prima impressione di Arba è subito accattivante, ma per un gioco il cui punto focale è sconfiggere orde di mostri questa natura pacifica non poteva durare a lungo, infatti per un motivo ancora sconosciuto i mostri diventano di punto in bianco violenti e si scagliano contro gli umani. Nei primi minuti di gioco controlleremo uno dei due protagonisti Luceus e Aurora membri della guardia reale, sotto gli ordini del Re Doric intraprendono un viaggio per scoprire il motivo per cui i mostri sono fuori controllo. Durante il viaggio attorno al mondo i nostri protagonisti oltre che a combattere contro orde di nemici dovranno recrutare nuovi combattenti, combattenti che chi ha giocato ad altri titoli della Saga Dragon Quest conosce bene, vedremo infatti riuniti alcuni personaggi principali delle serie passate.  L’ambientazione gioiosa e colorata si rispecchia anche nel carattere e la simpatia dei personaggi che nella maggior parte del tempo ci faranno assistere a delle scene divertenti.

Le Battaglie di gioco

Le battaglie non noiose come in molti altri giochi in stile musou, durante alcune di esse, certi mostri faranno cadere delle medaglie che se collezionate ci permetteranno di poter utilizzare dei mostri in battaglia o a difesa di punti sensibili, un aspetto che diventa molto importante se dobbiamo difendere più postazioni contemporaneamente. Il fulcro del gioco e combattere mostri, raccogliere medaglie e difendere postazioni, gli scenari e le ambientazioni sono varie e il gioco non risulta ripetitivo, grazie anche ad una componente strategica e alle abilità speciali con le quali si possono eliminare un gran numero di nemici in una volta sola. Sono inoltre numerose le missioni secondarie non legate alla storia principale che fanno diminuire drasticamente la ripetitività del gioco, non mancano tesori nascosti e nuove zone da esplorare non mostrate sulle mappe di gioco. Il più dell’azione si svolge nei combattimenti e si passa ben poco tempo a parlare con altri personaggi, i combattimenti inoltre si svolgono in maniera rapida e sono abbastanza divertenti, le meccaniche di gioco sono semplici e intuitive, due pulsanti per l’attacco che possono essere combinati assieme a formare delle combo, ricaricando una barra durante il combattimento è inoltre possibile effettuare la mossa speciale che può spazzare via gran parte dei nemici in un colpo solo.

Conclusione

I giochi in Stile Musou non sono molto apprezzati in Europa rispetto all’Asia dove hanno un grande successo, a causa della loro ripetitività e per la scarsa intelligenza artificiale dei nemici, Dragon Quest Heroes L’albero del mondo e le radici del male però non è solo  un Musou ma qualcosa di più che sa unire perfettamente degli elementi di più stili diversi dando vita ad un gioco molto divertente e mai ripetitivo in una Storia magari un pò troppo scontata e meno elaborata rispetto ai titoli precedenti, in ogni caso è un gioco che consigliamo senza alcuna riserva a chi è alla ricerca di un’avventura abbastanza longeva e divertente. Vi ricordiamo che è disponibile per Playstation 3 e 4 e in versione Pc, se siete interessati all’acquisto in questo periodo lo si trova ad un prezzo veramente basso, potete vedere le offerte disponibili nel Box qui Sotto, per gli appassionati di anime invece consigliamo di leggere i seguente articolo dove abbiamo scelto i 10 giochi più divertenti basati su manga e anime.